Servizi associati

torna ai progetti
progetto 6 di 10

Sistema Alta Velocità Milano-Napoli

Penetrazione Urbana in sotterraneo del Nodo di Bologna

Nell'ambito delle lavorazioni inerenti la penetrazione urbana nella città di Bologna della linea A.V./A.C. è stata individuata la ex-cava Corticella, situata a nord di Bologna, come invaso per accogliere mediante il ritombamento delle vasche presenti il materiale di risulta proveniente dalle perforazioni delle TBM delle gallerie provenienti da Firenze e dagli scavi della Nuova Stazione AV di Bologna.
Committente: 
S.Ruffillo S.C.R.L. (A.T.I. Acciona-Salini-Ghella)
Commessa: 
Analisi di stabilità delle scarpate del rilevato di tombamento
Periodo di esecuzione lavori: 
Gennaio 2008 - Marzo 2009
Stato dei lavori: 
Conclusi

Durante le fasi esecutive delle lavorazioni suddette a causa del quantitativo di materiale ivi conferito, maggiore di quello preventivato, per mantenere la quota p.c. prevista, in alcune aree è stato depositato e compattato una quantità di materiale superiore a quella prevista dal progetto esecutivo, con angoli di scarpa conseguentemente maggiori rispetto a quelli stabiliti.

Si è resa pertanto necessaria un’indagine geologico-geotecnica per determinare le caratteristiche dell’intero ammasso (che si estende su circa 15 ettari) e verificarne la stabilità al fine di fornire indicazioni a proposito del rimodellamento morfologico delle scarpate.
Sono stati eseguiti prove penetrometriche statiche e sondaggi a carotaggio continuo con prelievo di campioni indisturbati per l'esecuzione di prove di laboratorio geotecnico (determinazione caratteristiche fisiche e di consistenza, prove edometriche e prove di taglio diretto).

Per determinare le onde di taglio Vs30, utili alla classificazione del suolo nei confronti di uno scuotimento sismico, sono stati eseguiti degli stendimenti sismici con metodo MASW-2D che hanno indagato il sottosuolo per profondità maggiori ai 50m e su linee di lunghezza pari a circa 100m.

I risultati di tali prove hanno permesso di redigere 19 sezioni geotecniche con l'individuazione dei differenti orizzonti a diverse caratteristiche meccaniche.

Le analisi di stabilità delle scarpate sono state eseguite secondo il modello dell'equilibrio limite; è stato considerato in Metodo di Bishop in cui non viene trascurato nessun contributo di forze agenti su ciascun concio; l'analisi di tale disamina è stata affidata a programmi di calcolo dedicati.